Mercati e mercatini di Milano

La Grande città di Milano, con tutto il suo glamour, il suo fashion, il business, la moda, le vie dello shopping, le grandi firme e la movida, non potrà mai fare a meno dei suoi mercati e mercatini. La metropoli lanciata verso l’Expo 2015, la smart city dove ogni cosa deve essere declinata 2.0, è come una cozza attaccata ai banchi dei mercati rionali e comunali, ai mercatini del vintage e dell’antiquariato, che in tutti i giorni della settimana sono allestiti tra le piazze e le vie della città.

I mercati di Milano, sia quelli generalisti dell’abbigliamento e dell’ortofrutta, sia quelli dedicati a nicchie di settore, sono un’istituzione cittadina che niente e nessuno potrà mai estirpare. Il mercato di Viale Papiniano (martedì e sabato) o quello di Piazzale Lagosta (sabato), i mercati rionali di Via Benedetto Marcello o di Via Garigliano (martedì e sabato), di Via Catone (venerdì) o di Viale Corsica (giovedì), sono appuntamenti imperdibili non solo per i residenti nelle specifiche zone, ma occasioni di trasferte da quartieri lontani.

I mercati rionali di Milano, più di una ventina nell’arco della settimana, rappresentano un punto di riferimento per la spesa quotidiana dei milanesi, ma anche ottimi luoghi dove trovare prodotti genuini per i turisti in visita alla città. Sui banchi infatti sono spesso presenti prodotti tipici regionali, formaggi e affettati di allevamenti toscani e campani. Oltre a prodotti gastronomici si acquistano capi d’abbigliamento, calzature e oggetti per la casa a prezzi sempre competitivi rispetto ai classici negozi con vetrine.

Per i turisti a Milano in cerca di buoni affari e oggetti particolari, la città propone una serie di appuntamenti e mercati interessanti, differenti per categorie merceologie.

Il mercato delle pulci di Milano, quello più famoso, è la Fiera di Senigallia che si tiene tutti i sabati nei pressi della fermata della metropolitana Porta Genova. Qui non manca nulla, dalle biciclette usate all’abbigliamento vintage, dai libri d’epoca ai dischi in vinile e oggetti assolutamente inutili ma ricchi di fascino antico.

Sempre in zona Ticinese, sulle sponde del Naviglio Grande, tutte le ultime domeniche del mese si tiene il Mercatone dell’Antiquariato. La zona dei Navigli è ricca di negozi di oggetti e mobili antichi che una volta al mese, insieme ad antiquari provenienti da fuori Milano, espongono i propri pezzi pregiati nel tratto di strada che va dal ponte di Via Valenza a Viale Gorizia: due chilometri di antichità e modernariato davvero molto interessanti.

Un altro appuntamento con l’usato, tutte le domeniche mattina, è il Mercatino della Bovisa, nella zona nord di Milano. E’ una buona occasione per fare un po’ di caccia al tesoro, perché in mezzo a tante cianfrusaglie si trovano anche ottimi oggetti, casalinghi, attrezzi, vestiti e quant’altro venduti a prezzi davvero interessanti. Il Mercatino della Bovisa si tiene in piazza Emilio Alfieri.

In Via Sacile, nei pressi di Piazzale Bologna e Piazzale Cuoco, si svolge la domenica mattina quello che si auto-considera il vero mercatino delle pulci di Milano, l’unico e irripetibile. E’ il Festival Park, con banchi e gazebo di vestiti, calzature, giochi per bambini, biciclette e argenti, ma anche tantissimo ciarpame e roba rotta e inutile. Ma dove è possibile, cercando bene, trovare pezzi d’abbigliamento usato di ottima fattura a prezzi stracciati.

Era piccolo e discreto, ma aveva il pregio di essere all’ombra dell’imponente struttura delle Stadio di San Siro. Oggi, Hobbypark, mercatino solidale, è ancora piccolo e discreto ma si è trasferito in Via Seguro nel quartiere di Baggio. Qui si respira un’aria tranquilla tra oggetti vecchi, antichi e usati, pezzi magari non di grandissimo pregio ma spesso di grande utilità. Si chiama solidale perché molti venditori raccolgono prodotti da dare in beneficenza.

I mercati e i mercatini di Milano non moriranno mai, sopravviveranno ai vari iper-super-mega store dove la qualità forse non si discute, i prezzi magari un po’ sì, ma soprattutto dove manca completamente il fattore umano, quel quid che rende l’esperienza d’acquisto un momento divertente e che crea relazione.

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© Copyright - Cookie Policy - That's Milan!