Shopping a Milano, negozi curiosi, outlet e boutique

Piena di strade e di negozi
e di vetrine piene di luce
con tanta gente che lavora
con tanta gente che produce.
Con le réclames sempre più grandi
coi magazzini le scale mobili… – Giorgio Gaber

Milano capitale della Moda. Milano capitale del lusso. Milano capitale dello shopping. Milano capitale del fashion. E chi più ne sa più ne scriva, perché se è vero che Milano è sinonimo di business, è altrettanto vero che da Milano bisogna passare se si vuole acquistare abbigliamento e accessori all’ultima moda.

Ma attenzione, moda non vuol dire solo prezzi alle stelle, perché l’abbigliamento di lusso sta allo shopping come la Formula 1 al mondo dell’auto: qui si pensano le nuove forme, i nuovi materiali, i nuovi modelli che poi la grande industria, dell’abbigliamento come dei motori, rende disponibili per tutti. E quindi dagli showroom di Dolce & Gabbana, Versace e Armani, dalle passerelle della Settimana della Moda di Milano, l’abbigliamento, le calzature e gli accessori fashion arrivano a cascata nei grandi magazzini, con i nuovi tagli, i colori e le tendenze disponibili per il grande pubblico, ma soprattutto a prezzi accessibili.

Perché Milano non è solo Quadrilatero della Moda, ma anche grandi store, vie dello shopping molto trendy, e, perché no, bellissimi mercati dove non si trovano solo cineserie, ma anche capi d’abbigliamento firmati e di sartoria.

Quadrilatero della Moda, shopping di lusso

C’è chi pensa che il Quadrilatero della Moda sia ormai uno dei quartieri di Milano. In realtà non è così, ma a coloro che lo frequentano piace pensarlo per sentirsi ancora più esclusivi. Siamo nel centro storico di Milano, dove si concentrano le boutique di moda e i negozi del lusso, le gioiellerie e gli show room degli stilisti. Idealmente il Quadrilatero della Moda è chiuso tra quattro strade, Via Montenapoleone, Via Manzoni, Via della Spiga e Corso Venezia, ma anche le viuzze interne sono territorio di caccia per turisti giapponesi e arabi.

Il Quadrilatero della Moda risplende. Nelle serate d’inverno, quando il sole tramonta alle 18, le vetrine di Dolce e Gabbana, Versace, Armani, Fendi, Tiffany, Bottega Veneta, Chanel, Bulgari, Cartier, Gucci, Gianfranco Ferrè, Valentino, Prada si accendono sui meravigliosi capi di abbigliamento e sui gioielli, illuminati dai led strategicamente posizionati dai light designer.

Il Quadrilatero della Moda sembra immobile su se stesso, ma invece è in continua evoluzione. Da settembre 2012 hanno aperto i battenti il nuovo megastore di Dolce&Gabbana, il flagship della linea young Just Cavalli, le boutique di Belstaff e di Moschino, il calzolaio Stuart Weitzman, lo showroom Samsung fashion e Agent Provocateur con il suo primo freestanding store italiano. Tra rinnovamenti di spazi, cambi di indirizzo, riaperture e chiusure, il Quadrilatero della Moda è ben lontano da essere un sacrario immobile e accartocciato su se stesso: è al contrario un luogo vivo, un vero e proprio distretto della moda e del lusso.

Da non perdere: nel Quadrilatero della Moda si può comprare il lusso spendendo poco. Sembra un ossimoro, ma gli spazi del D Magazine Outlet in Via Manzoni, 44 sono lì a dimostrarlo. Gli abiti sono stoccati in ordine alfabetico, dalla A di Armani fino alla V di Versace, a prezzi scontati del 50%. E anche più se vi accontentate delle fine serie.

Via Montenapoleone, la Fifth Avenue milanese

La via più famosa del Quadrilatero della Moda è Via Montenapoleone. Che è come dire Fifth Avenue a New York o Avenue des Champs Elysees di Parigi. Il nome arriva dai tempi dell’Era napoleonica, quando Milano era già un importate centro di business, ma anche un luogo di divertimento, perdizione e piacere. La lunga via che unisce Piazza San Babila a Via Manzoni raggiunge l’apice della fama negli Anni ’50, quando gli ultimi negozi non di moda lasciarono spazio agli showroom di stilisti, gioiellieri, pellettieri e calzolai.

Una volta giunti in questa prestigiosa via del lusso di Milano, dalla fermata omonima sulla Linea 3 Gialla della metropolitana, non c’è che l’imbarazzo della scelta. Cercate capi d’abbigliamento e scarpe? Non dovete far altro che entrare negli showroom di Alberta Ferretti, Armani, Bottega Veneta, Valentino, Salvatore Ferragamo o dei Fratelli Rossetti. Cercate gioielli, preziosi e orologi? Le vetrine di Cartier, Bulgari, Damiani, Audemars Piguet o Swatch sono lì a vostra disposizione. Via Montenapoleone è proprio come la si immagina, altezzosa e snob, dove l’old style va a braccetto con il concept store.

Da non perdere: in Via Montenapoleone dal 1996 ha le proprie vetrine una boutique del cristallo nata nel 1936, le Vetrerie di Empoli. Il negozio di questi mastri vetrai è diviso in diverse sale a tema. Nella Sala dei Bicchieri si trovano calici pregiati di ogni forma e colore. Nella Sala del Mercatino:Vintage della Tavola, sono proposte porcellane Meissen e Limoges, pizzi, cristalli, avori e argenti. Nella Sala Primavera vetri lisci e colorati. Nella Sala del Natale, aperta tra novembre e dicembre, addobbi pregiati in vetro soffiato per un Natale davvero esclusivo.

Corso Vittorio Emanuele: La Rinascente e gli abiti a peso

Dopo Piazza San Babila in direzione di Piazza Duomo si percorre Corso Vittorio Emanuele II, una delle più prestigiose vie dello shopping di Milano. Con i portici su entrambi i lati e il passaggio pedonale centrale, Corso Vittorio Emanuele II è un susseguirsi di negozi di marca, abbigliamento giovane e diverse vetrine di intimo. Verso la fine, all’altezza di Piazza del Duomo, si aprono le maestose vetrine de La Rinascente.

Negli 11 piani occupati dal grande magazzino si trovano tutti i prodotti che si possono desiderare, dai cosmetici agli accessori per la casa, all’abbigliamento casual a quello elegante: al settimo piano, completamente vetrato con vista sulle guglie del Duomo, c’è un ristorante, il Maio Restaurant, mentre all’ultimissimo piano l’hair style di Coppola.

Da non perdere: in Corso Vittorio Emanuele si trova un negozio molto particolare, dove la moda ha il suo peso. E’ uno store decisamente glamour, Kilofascion, dove i capi d’abbigliamento di grandi marchi vengono venduti a seconda del peso, indipendentemente dalla griffe: sulla classica targhettina non si trova il costo del capo, ma il prezzo al grammo. Fatta la spesa, si pesa il tutto su una bilancia e si paga alla cassa.

Shopping in Via Dante, tra letteratura e sport

Via Dante, tra Piazza Duomo e il Castello Sforzesco, è una splendida via pedonale circondata da negozi e bar dove gustare aperitivi e lunch seduti ai tavolini all’aperto.

Oltre agli ottimi show room di abbigliamento, sulla via si affacciano vetrine di articoli da regalo, atelier d’arte e accessori per la casa. A metà di Via Dante si trova Via Rovello dove si trova la storica sede del Piccolo Teatro di Milano di Giorgio Strehler. In fondo, all’altezza di Largo Cairoli, ha le sue vetrine una fornitissima libreria internazionale, American Bookstore. Via Dante è una delle mete preferite dai turisti che vogliono fare shopping nel centro di Milano.

Da non perdere: uno degli ultimi spazi commerciali aperti in Via Dante è il flagship store di Le Coq Sportif, marchio francese dello sport e del footwear urban-chic. Splendidi i camerini per signora al secondo piano rivestiti di mosaici con i colori della bandiera francese.

Via Brera, dove i negozi sono bijoux d’arte

In Via Brera, cuore dello shopping e della movida milanese,  i negozi e gli show room sono piccoli bijoux d’arte, a cominciare dalle esclusive gioiellerie di preziosi fatti a mano, ai negozi d’antiquariato e antichità.

In Via Brera non mancano deliziosi punti vendita molto particolari, come ad esempio Cavalli e Nastri, dove il vintage domina sovrano, oppure il lussuosissimo Brera Bau House, una vera e propria boutique per gli amici a quattro zampe, con abbigliamento, cibi speciali (anche Bio) e accessori molto raffinati. Al numero 23 di Via Brera il lusso e la raffinatezza raggiungono il loro apice con L’Olfattorio – Bar à Parfum, un negozio dove tra profumi di grandi maison e di produttori artigianali è possibile farsi confezionare fragranze su misura.

Da non perdere: nella via più fashion di Milano si possono trovare anche chicche come ad esempio Rigadritto. E’ una cartoleria che propone oggetti, quaderni, block notes, sticker, cartoline, magneti, scatole di matite, prodotti vintage, provenienti da tutto il mondo. Un piccolo spazio grande come il Paese dei Balocchi.

In Via Torino moda giovane e abbigliamento trendy

Via Torino è la via dello shopping giovane. E’ una delle più antiche vie di Milano, da sempre zona commerciale: un tempo sulla strada si aprivano diversi laboratori artigiani, oggi è un susseguirsi di vetrine di abbigliamento trendy e giovanile e bar sempre frequentatissimi da ragazzi e turisti.

I prezzi dell’abbigliamento in Via Torino sono altalenanti. Si trovano capi di abbigliamento economici all’Oviesse, ma anche molto costosi come da Levi Pellicce, profumerie di catena come Limoni e Bottega Verde, ma anche gioiellerie come Pryngeps, dal nome esotico, ma nata a Milano. In Via Torino, tra una vetrina e l’altra, è d’obbligo una visita alla deliziosa chiesetta di Santa Maria in San Satiro, un capolavoro rinascimentale del Bramante. Fuori dalla chiesetta si prosegue tra vetrine di ogni genere fino a giungere al Carrobbio, una antica piazza di transito dei carri trainati da cavalli.

Da non perdere: al numero 51 di via Torino si trova un negozio della catena Muji. La particolarità di questo store è la gamma pressoché infinita di prodotti in vendita: dalle cornici ai mobili, dalle penne agli articoli per la tavola, dagli accessori per l’ufficio all’abbigliamento uomo-donna, dai tagliaunghie alle scarpe, dagli addobbi di Natale ai prodotti per la cura del corpo.

Per uno shopping vintage destinazione Navigli

In fondo a Via Torino inizia Via Cesare Correnti che diventa poi Corso Genova. Lungo questa direttrice si arriva ai Navigli, un altro dei numerosi quartieri dello shopping di Milano. La zona dei Navigli è affollata di negozi vintage, di abbigliamento giovane molto casual e militare adatto a rockettari e punk, in stile Anni ’70 e ’80, ma anche di splendide vetrine di antiquari, atelier e laboratori d’arte. Perdersi in queste vie significa assaporare il gusto della vecchia Milano, tra cortili interni tutti da esplorare e angoli dove il tempo sembra essersi fermato.

Da non perdere: l’apogeo del vintage, dell’usato, del modernariato e dell’antiquariato (nonché dell’effimero e dell’inutile sempre desiderabili), lo si ha nei due splendidi mercati in zona Navigli: la Fiera di Senigallia e il Mercatone dell’Antiquariato. La Fiera, vicina alla Stazione di Porta Geneva, è il mercato delle pulci di Milano (solo al sabato), con abbigliamento usato, dischi in vinile usati, biciclette usate, attrezzi usati, chincaglierie di tutti i tipi rigorosamente usata. Il Mercatone si svolge solo l’ultima domenica del mese sulle sponde del Naviglio Grande: qui i pezzi proposti sono di alto valore, provenienti dai numerosi negozi d’arte presenti in zona Navigli, ma anche da collezioni private.

Corso Buenos Aires, 1 km di shopping casual

E’ una delle principali vie dello shopping di Milano. Lungo tutto il suo chilometro di lunghezza tra Porta Venezia e Piazzale Loreto, Corso Buenos Aires offre ai turisti e agli amanti delle passeggiate per nogozi davvero di tutto.

Chiedete e vi sarà dato, dall’abbigliamento giovane all’intimo di marca, dalle scarpe alle camicie, dai grandi magazzini alle librerie. In Corso Buenos Aires è impossibile parcheggiare, ma ben tre fermate della metropolitana della Linea 1 Rossa, Loreto, Lima e Porta Venezia, possono trasportarvi in questo Paese del Bengodi. E’ una strada decisamente democratica per lo shopping, infatti a fianco di negozi di marca e a prezzi piuttosto elevati, ce ne sono diversi dove si riesce a spendere meno, ma acquistando prodotti sempre di buona qualità.

Da non perdere: in Corso Buenos Aires 49 ha le proprie vetrine De Bernardi, un negozio con più di cento anni di vita. Dietro al bancone old style, in uno spazio un po’ stretto, c’è un ottimo assortimento di intimo, calze, lingerie, guanti e cappelli molto ricercato, ma anche molto fantasioso. Si va dal sexy e conturbante al classico, dal provocante nude look alle taglie conformate. Il tutto delle migliori marche, Ibici, Pierre Mantoux, Levante, Private Couture, Chantelle, Verdissima, Sciara.

© Copyright - Cookie Policy - That's Milan!