Milano by night, movida per tutti i gusti

…Non c’è mai parcheggio – ed è sempre peggio – settimana della moda – vita mondana in coda – in auto a noleggio – l’alternativo beve vino vicino agli yuppie in Brera – sera a tema Tropico Latino – tutti in fiera –  Articolo 31

Se pensate che la vita notturna a Milano sia un motivo sufficiente per visitare la città … avete perfettamente ragione. La movida milanese, con locali e discoteche tra i più famosi negli ambienti modaioli d’Europa, è protagonista in diverse zone della città, dal quartiere Isola al quartiere Garibaldi, da Città Studi fino a Corso Sempione. Per statuto però, non scritto ma indiscutibile, il cuore della movida a Milano sono i Navigli, dove la notte ha lo stesso sapore e appeal di Trastevere a Roma, della Rive Gauche di Parigi, di Soho a Londra, Kreuzberg a Berlino e delle Ramblas di Barcellona.

La Milano by night, che inizia verso le 19 con l’happy hour (invenzione tutta italiana esportata negli ultimi anni in ogni locale d’Europa), offre agli amanti delle ore piccole centinaia di bar, pub, birrerie, discoteche, locali con musica dal vivo. Milano è la capitale della mondanità: vip, personaggi dello spettacolo e del jet set, sportivi e starlette, modelle, modelli e yuppie, hanno nel Capoluogo della Lombardia i loro locali esclusivi dove divertirsi, ma soprattutto dove farsi notare.

La notte a Milano non è solo appannaggio di chi arriva dal bel mondo. Giovani e meno giovani, uomini e donne di tutte le età, hanno i loro cafè preferiti dove trascorrere piacevolissime serate in compagnia. Lo scenario offerto dalla night-life milanese è diversificato: l’importante è scegliere la zona più adatta al proprio modo di vivere la notte. Ecco quindi una panoramica delle zone di Milano e del tipo di clientela che le frequenta.

Quartiere Isola, nightlife a suon di jazz e sushi

Partiamo dalla zona nord di Milano. Negli ultimi anni sta avendo un buon successo il quartiere Isola, vicino a Piazzale Lagosta. La zona compresa tra Via Valtellina e Via Farini è molto frequentata da 20-30enni fin dall’happy hour.

Per un aperitivo e una cena in stile Baja California ci si concentra tutti al Mexicali, mentre per un’esperienza un po’ diversa c’è l’Isola della Birra in via Via Medardo Rosso che ama definirsi la prima sushi-birreria di Milano. Il sushi è molto apprezzato in zona, si trova anche al cocktail bar e ristorante Soho Café in Via Carlo Farini.

Sempre in Carlo Farini per una serata classica ci si dirige senza esitazione al Chiringuito frequentato fin dai tempi in cui l’hip-hop era il top. Se vi piace la musica dal vivo tappa obbligata è il Nord Est Café in Via Borsieri, molto apprezzato anche la mattina per la colazione. In Via Valtellina 25 infine si trova una discoteca amata da un pubblico tra i 20 e i 30 anni, l’Alcatraz, dove spesso si tengono concerti dal vivo.

Da non perdere: il locale più famoso dell’Isola è il Blue Note, vero tempio del jazz, con un programma di artisti internazionali davvero da urlo. Dal Blue Note, a pochi metri dal Nord Est Café in Via Borsieri, sono passati tutti i più famosi jazzisti del mondo. Le serate al Blue Note sono deliziose, pasteggiando e bevendo un cocktail tra jazz e gospel.

Discoteche glamour e locali chic? Garibaldi e Corso Como

Molto interessante per la vita notturna milanese è la zona Garibaldi, dove si trovano alcune delle discoteche più famose di Milano, frequentate da top model, calciatori, personaggi dello spettacolo e della televisione. L’Hollywood, il Tocqueville 13, lo Shocking, lo Smoking Kills e il Pulp Club sono la meta serale e notturna di un pubblico eterogeneo tra i 25 e i 50 anni.

In zona Garibaldi si trova anche Corso Como, sinonimo per eccellenza di happy hour, con locali come il Pitbull o il Dom Cafè, ma anche discobar sempre affollatissimi come il 10CorsoComo. Molto raffinati sono il Virgin Cafè, lounge bar e ristorante in via Toqueville, e il Fiat Lounge Cafè a fianco dell’Hotel Executive. In Corso Garibaldi si trovano la splendida Enoteca Moscatelli  e il famosissimo Panino Giusto ormai trentennale paninoteca milanese. Molto glamour e chic, dall’happy hour in poi, è la Caffetteria Degli Atellani in via della Moscova, un bookshop-caffetteria molto amata dall’intellighenzia milanese.

Da non perdere: il Loolapaloosa in Corso Como è uno di quei locali sulla bocca di tutti. In particolare è famoso per i suoi martedì sera, quando giovani ragazze in short, camperos e camice succinte in stile tex-mex ballano sul bancone versando direttamente nella bocca degli avventori gli alcolici. E’ la serata Coyote Ugly Saloon, ripresa dal film Le ragazze del Coyote Ugly, diretto da David McNally.

Città Studi, dove la movida scorre a tutta birra

Addentrandosi nella zona est di Milano, ottime birrerie e locali per un pubblico di 20-50enni si trovano nell’area di Città Studi, Piazzale Piola e Lambrate.Tra i locali più famosi l’Union Club in Via Moretto da Brescia immerso in un’atmosfera vintage, il pub-birreria Brasserie Bruxelles in Viale Abruzzi con birre in bottiglia e alla spina rigorosamente Belghe, e l’Au Vieux Strasbourg in Via Strambio famoso tra chi ama bere birra di alto livello.

Un nome-una garanzia per i 20-30enni è il Matricola Irish Pub in Viale Romagna, punto di riferimento per gli studenti, classico ed elegante, con un dehors per il periodo estivo. Per una cena e un dopo cena un po’ raffinati, in Via Filippino Lippi c’è Eda, avvolto in un’atmosfera soffusa, mentre sul versante opposto per chi cerca un ambiente più easy dove diffondono musica dall’elettronica al funk house la meta giusta è il Sottomarino Giallo in Via Donatello.

Da non perdere: il Birrificio di Lambrate in Via Adelchi, è un piccolo delizioso pub conosciuto tra i vecchi avventori come ‘Lo Skunky’. Al Birrificio, arredato in un mix tra pub britannico e un galeone, si gustano birre artigianali, alcune delle quali solo in particolari stagioni dell’anno, altre, le Birre Speciali, solo quando c’è disponibilità delle materie prime

All’Idroscalo, per un sidro sulle note del sound di Ibiza

Spostandosi verso la periferia, vicinissimo all’aeroporto di Linate, si trova il mare di Milano, l’Idroscalo. In estate diventa uno dei punti di riferimento per le serate milanesi perché aprono i battenti numerose discoteche all’aperto.

Tra i nomi più famosi Le Jardin au bord du lac, il Metropolitan Garden e il Circolo Magnolia. Ma anche nelle serate invernali la zona di viale Forlanini e della Circonvallazione dell’Idroscalo è molto frequentata per la presenza di notissime discoteche, discobar e birrerie, come il Pelledoca frequentato da over 30, il Crazy Jungle ex cascina trasformata in discobar, La Sidreria in Via Corelli dove il sidro arriva direttamente dal Trentino.

Da non perdere: l’Amnesia, discoteca diventata ormai il tempio della musica dance, e frequentata da una clientela molto variegata. Le due sale, la House Room con cinque maxi schermi, e la Sounds Room, con musica più eclettica, sono il punto di riferimento per gli amanti del genere house, ma soprattutto di chi sa apprezzare l’ottimo lavoro dei Dj che si avvicendano alle consolle.

In Porta Romana per una serata ambient

Scendendo verso sud il pubblico che frequenta i locali e le birrerie in zona Porta Romana è composto soprattutto da 30-40enni che trovano qui spazi molto più tranquilli, con classica musica rock, ambient e in stile Anni ‘80.

Il Younite Café in Viale Bligny è un locale piuttosto piccolo, ma molto amato da artisti e intellettuali (anche pseudo, ma fa niente). Lo Spazio Fitzcarraldo Gallery in Viale Filippetti è invece molto ampio, con arredi moderni ed è famoso per il distributore di sexy-toys (di classe) nei bagni delle signore.

Un posto piuttosto esclusivo, un lounge ristorante anche per cene romantiche, è I Chiostri di San Barnaba in Via San Barnaba, mentre invece il Tropicana Club Latino in Viale Bligny è molto più vivace e chiassoso. Un po’ più a sud di Porta Romana, in via Pietrasanta, si trovano i Magazzini Genarali che amano definirsi un grande spazio ‘multimediale’ dove si esibiscono Dj del panorama internazionale.

Da non perdere: Simbolo da anni della Milano da Bere è il Mom Café in Viale Monte Nero: sedersi all’interno non è possibile,  il drink si prende al banco e si beve fuori dal locale, chiacchierando con gli amici. Ottimo il cocktail Mai Tai, a base di rum, curaçao e succo di lime.

Navigli, un must della movida milanese

In fondo a Viale Beatrice d’Este e Viale Gian Galeazzo si arriva nel cuore della movida milanese, la mitica zona dei Navigli. Qui si riversano tutte le sere decine di migliaia di giovani e meno giovani in qualunque stagione dell’anno. Sono tantissimi i bar, locali, discoteche, discobar, pub, birrerie in quest’area, difficile citarli tutti.

Tra i più famosi La Corte dei Miracoli in Via Mortara, bar-cabaret storico, il Seven in Corso Cristoforo Colombo, piccolo ma ottimo ristorante dai prezzi contenuti, il Mas in Ripa di Porta Ticinese, spagnoleggiante e alla mano, il Cox 18 in Via Conchetta, un tempo centro sociale alternativo, oggi locale molto alla moda e con ottima musica dal vivo.

Per chi ama la birra il luogo ideale è l’Octopus in via Watt, mentre per bere quelli che in molti considerano i migliori cocktail di Milano bisogna andare al Cape Town Café in Via Vigevano. Due punti di riferimento imperdibili sui Navigli sono Il Puerto Alegre in Via Giosuè Borsi, con musica dance e ritmi latini, e il mitico e storico le Scimmie in Via Ascanio Sforza con il palco per la musica dal vivo.

Per un pubblico adulto in cerca di locali tranquilli e raffinati le mete ideali sono il discobar Cà Bianca in Via Lodovico il Moro e lo Charme Lounge Bar in Via Giacomo Watt con musica sempre molto cool.

Da non perdere: locale decisamente alternativo, aperto a tutte le esperienze sensoriali, dove la musica è una continua contaminazioni di generi, dove respirare le atmosfere underground di Londra e Berlino, ma anche luogo di discussione, confronto e tolleranza, che rifiuta l’idea di ambienti blindati e segregati … tutto questo è il Toilet Club, in Via Ludovico il Moro, con arredamento a tema. Assolutamente da non perdere anche se è un po’ in fondo a Ludovico il Moro, vicino alla chiesetta di San Silvestro.

In Colonne per una notte cheap & chic

Le Colonne di San Lorenzo, croce per chi ci abita, delizia per migliaia di giovani alla sera, sono uno dei punti di ritrovo più conosciuti di Milano. Ci vediamo in Colonne significa prepararsi ad una serata con una birra in mano seduti per terra o a chiacchierare fuori da uno dei locali che si trovano tra Piazza Vetra e Via Molino delle Armi.

Tra questi, in Via Pioppette, l’Exploit Drinks e Dinner, un American bar con arredi in mix tra coloniale e l’old style, o l’Yguana, in Via Papa Gregorio XIV, dove tutto è colorato di verde e si beve in compagnia in maxi bicchieri da 2, 3 o 5 litri. A La Hora Feliz in Via San Vito tutto parla di Cuba e latinoamerica, tra rum e sigari e una gigantografia di Hemingway. In Via Molino delle Armi si trova il l’Exquisite Shu Café, un lounge club & disco dinner che ha più di dieci anni e con arredi, disegnati da Fabio Novembre, materia di studio delle facoltà di Architettura di tutto il mondo.

In Corso Italia invece, più discreto ma altrettanto famoso, il locale Al Buon Convento, caffetteria, bistrot e wine bar. Per un’atmosfera particolare bisogna invece andare a Le Biciclette in Via Giovanni Battista Torti: un recente restyling non ha cambiato lo stile del locale che prima di diventare uno dei ritrovi della movida milanese era un’officina di riparazioni di biciclette.

Da non perdere: da pochi anni si è trasferito in Via Vetere uno storico locale che prima era sui Navigli, il Bar Rattazzo. Un tempo ritrovo dell’intellighenzia di sinistra di Milano, oggi il Rattazzo è ancora uno dei bar più famosi della zona delle Colonne di San Lorenzo. Come si suol dire, più che un pub, una vera e propria istituzione. Lo si riconosce al volo: fuori dal locale si radunano centinaia di persone, dai 20 ai 40 anni, che chiacchierano e bevono birra e cocktail.

Corso Sempione, locali esclusivi e molto fashion

Proseguendo verso nord si arriva in zona Sempione, vicino al Parco Sempione e all’Arco della Pace. Nelle sere d’estate lo stesso Arco della Pace diventa un punto di ritrovo per giovani che amano sorseggiare una birra all’aperto improvvisando musica. In inverno i locali della zona Sempione sono frequentati soprattutto da yuppie, dirigenti e professionisti a cui piacciono location molto alla moda.

Tra i locali più famosi in zona Sempione, l’Old Fashion Café in Viale Emilio Alemagna dove il pubblico e la musica variano a seconda delle serate. Il Roïalto, sempre affollato dal brunch fino a notte fonda, e l’esclusivo Gattopardo Café, entrambi in Via Piero della Francesca, sono location molto di moda e che fanno tendenza. Per una serata particolare, all’insegna del brand, si deve andare dietro la Triennale in Parco Sempione, al Fiat Café, con il rischio di imbattersi in famossissimi Dj. Per chi cerca invece un ambiente raffinato e di design, c’è il Serendepico, dove l’innovazione passa direttamente dagli arredi alla gastronomia, e dove si gustano piatti e cocktail in un dehor con vista sul Castello Sforzesco.

Ottimi aperitivi e cocktali preparati da Iahiru, storico barman, si sorseggiano al Jazz Café, all’inizio di Corso Sempione, mentre l’Out Off/Le Quinte in Via Mac Mahon, arredato in stile post-industriale, e il Nordovest in Via Principe Eugenio, offrono ambienti discreti per serate tranquille e piacevoli.

Da non perdere: molti dei locali in zona Sempione sono famosi per le serate frenetiche e movimentate. Di tutt’altro genere è il Matinèe Bistrot & Cockails, in Via Cirillo Domenico. Ristorante e locale molto intimo, con luci soffuse, ma comunque in grado di sprigionare divertimento, al Matinèe si va per l’aperitivo, la cena o il dopo cena. Nella sala Bistrot è di rigore bere l’aperitivo omonimo, gustando piatti di leccornie fredde e calde.

Brera, dove movida e Vip vanno a braccetto

Fin dagli Anni ’70 ma soprattutto dagli Anni ’80 la zona di Brera è diventata un importante punto di ritrovo per le serate di Vip. In Via Brera il dopo-cena si può trascorrere all’O’ Connell, un pub molto accogliente e caldo dove bere in pace birre irlandesi, oppure anche al Bar Brera, proprio davanti alla Pinacoteca, o all’Art Café, un tempo luogo d’incontro tra artisti, con stampe e quadri alle pareti. Uno dei locali più turistici di Via Brera è il Break Time, frequentato da una clientela internazionale, con tavolini lungo la strada in estate.

Da non perdere: in Via Brera 32 si aprono le vetrine del Jamaica, storico locale di Milano molto amato dagli artisti fin dagli Anni ’50. E’ un locale strano, tanto glamour quanto alla mano, dove è possibile ordinare un bicchiere di vino e un panino e non sentirsi fuori posto mentre nel tavolo a fianco sorseggiano cocktail internazionali. Il bistrot del Jamaica è aperto fino alle 2 di notte, ma visto lo spazio ridotto è meglio prenotare.

Centri Sociali, per una notte alternativa & cheap

Non si possono non citare una serie di locali alternativi. Si tratta dei Centri Sociali di Milano, non più ritrovo di giovani scapestrati e avanguardie politiche, ma centri culturali, ritrovo di giovani studenti e intellettuali, ma anche di 40-50enni a cui piace ascoltare ottima musica e mangiare e bere a prezzi più contenuti rispetto ad altri locali di Milano.

Oltre al già citato Cox 18 in via Conchetta in zona Navigli, da segnalare lo Zam in via Olgiati, con serate di musica punk e trash, una libreria e una palestra per arrampicate; la Cascina Torchiera sul Piazzale del Cimitero Maggiore, con serate molto alternative di musica e cene etniche; l’Elicriso in Via Vigevano, con le pareti decorate in stile Gaudì dove, oltre a trascorrere piacevoli dopo-cena con musica dal vivo, si possono acquistare ottimi cibi biologici; infine il Macao, centro per le arti, la cultura e la ricerca musicale e teatrale in Viale Molise.

Night club, per una serata sensual

Giungendo all’ultima tappa del nostro tour alla scoperta della Milano da Bere, come veniva chiamata la città negli Anni ’80, in zona Stazione Centrale, verso Piazzale Loreto e Viale Padova, si trovano diversi night club, come La Tour d’Orient, il Linea Rosa o lo Striptease. Frequentati da un pubblico adulto e di stranieri, i night club di Milano sono proprio come te li aspetti: ambienti con luci soffuse dove bere in compagnia di belle signorine ammirandone altrettante che danzano in abbigliamento succinto.

Insomma, a Milano, come si dice, ce n’è per tutti i gusti e per tutte le misure. A ciascuno secondo il suo bisogno e secondo delle sue necessità.

© Copyright - Cookie Policy - That's Milan!